giovedì , novembre 23 2017
Home / Viterbo News / I GIUDICI: “FORMIGONI CORROTTO CON ALMENO SEI MILIONI DI EURO”, CASO MAUGERI, LE MOTIVAZIONI DELLA CONDANNA A SEI ANNI!

I GIUDICI: “FORMIGONI CORROTTO CON ALMENO SEI MILIONI DI EURO”, CASO MAUGERI, LE MOTIVAZIONI DELLA CONDANNA A SEI ANNI!

Nessuna attenuante. Sono durissime le parole dei giudici che hanno condannato a sei anni Roberto Formigoni per il caso Maugeri.
Nessuna attenuante, perché dal processo sono emersi “gravi fatti posti in essere dalla più alta carica politica della Regione Lombardia per un lungo periodo di tempo, con particolare pervicacia”, con “palese abuso delle sue funzioni” e “in modo particolarmente callido e spregiudicato, per fini marcatamente di lucro e con grave danno per la Regione”.
Il Tribunale di Milano “ritiene che le utilità corrisposte a Formigoni in esecuzione dell’accordo corruttivo, tra il 2006 ed il 2011, siano stimabili nell’ordine di almeno sei milioni di euro, a fronte di circa 120 milioni di euro e di circa 180 milioni di euro che, nello stesso periodo, vengono erogati dalla Regione rispettivamente a Fondazione Salvatore Maugeri e Ospedale San Raffaele”.
Secondo i giudici “sotto il profilo cronologico si sottolinea il quasi parallelismo tra le erogazioni” a Fondazione Maugeri e al San Raffaele e “le erogazioni delle utilità“. Il Tribunale fa una serie di esempi come “le vacanze di Capodanno 2006/2007 (…) coeve all’intervento di Formigoni per la reintroduzione delle funzioni non tariffabili” che hanno comportato un incremento dei rimborsi alla Maugeri.
Oppure, sostiene il collegio, l’ex governatore “fruisce del grosso delle utilità (vacanze e viaggi, contanti, villa in Sardegna) dal Capodanno 2007 in poi.
Proprio in quell’anno (…) – si legge sempre nelle motivazioni – si verifica l’intervento di Formigoni per garantire che la legge no profit venga approvata con un testo favorevole” all’ente con sede a Pavia e al San Raffaele “che avevano, all’epoca, più pressanti necessita finanziarie.
E’ significativo, in particolare – proseguono i giudici – che la giunta regionale recepisca le modifiche alla legge sui no profit favorevoli alle due fondazioni in data 22.6.2007 e che Daccò acquisti Ojala (imbarcazione poi utilizzata quasi esclusivamente da Formigoni) proprio in data 28.6.2007″.
“Gli ingenti capitali investiti”, sottolinea il Tribunale parlando del faccendiere Pierangelo Daccò e dall’ex assessore Antonio Simone “per garantire a Formigoni vacanze in località esclusive, disponibilità di imbarcazioni di lusso, uso di dimore di pregio, un altissimo tenore di vita, cene di rappresentanza e viaggi su aerei privati sono del tutto esorbitanti un qualsiasi normale rapporto di amicizia (sia pure con persone molto facoltose) e trovano, viceversa, sotto il profilo quantitativo e temporale, una logica spiegazione proprio nella remunerazione che i privati riconoscono al pubblico ufficiale quale corrispettivo al mercimonio delle funzioni”. Per i giudici, “l’evidenza delle prove raccolte smentisce in radice la tesi della difesa di Formigoni, secondo cui le c.d. ‘utilita del Presidente’ non sarebbero aItro che omaggi e regalie rientranti nell’ambito di un normale rapporto di amicizia tra Formigoni e Daccò″.
L’inventario delle regalie. In un capitolo delle quasi 700 pagine di motivazioni, vengono esaminate una ad una “le utilità percepite dal Presidente Formigoni, suddividendole in alcune macrocategorie per comodità espositiva: imbarcazioni; vacanze di Capodanno ed altri viaggi; villa in Arzachena – Località Li Liccioli; denaro contante; finanziamento elettorale di 600.000 euro”.
A differenza di quanto sostenuto dall’accusa, che ha contestato all’ex governatore una corruzione da oltre 8 milioni, per i giudici (che hanno confiscato a suo carico 6,6 milioni come prezzo delle presunte tangenti) “non rientrano nel novero delle utilità di Formigoni le cene in ristoranti di lusso organizzate da Daccò in onore del Presidente della Regione”.
“Pur avendo tali cene, indubbiamente, un ritorno in termini di immagine per Formigoni – si legge nelle carte – esse rispondevano anche al tornaconto di Daccò, che in questo modo accreditava (soprattutto agli occhi dei funzionari della Regione e dei Direttori Generali) la sua immagine di imprenditore del settore Sanità molto vicino al Presidente”.
Il 22 dicembre la decima sezione penale (giudici La Rocca-Minerva-Formentin) hanno condannato l’ex Governatore a 6 anni per corruzione, mentre i pm chiedevano nove anni. I giudici hanno condannato anche il faccendiere Pierangelo Daccò (9 anni e 2 mesi), l’ex assessore lombardo Antonio Simone (8 anni e 8 mesi), l’ex direttore amministrativo della Maugeri Costantino Passarino (7 anni) e l’imprenditore Carlo Farina (3 anni e 4 mesi). Assolti invece l’ex direttore generale della sanità lombarda Carlo Lucchina, l’ex segretario generale del Pirellone Nicola Maria Sanese, l’ex dirigente regionale Alessandra Massei, l’ex moglie di Simone Carla Vites e Alberto Perego, amico storico dell’ex presidente lombardo.

Loading...

Check Also

Arrestata prostituta sieropositiva: faceva sesso con clienti pur sapendo dell’HI

Avrebbe continuato a prostituirsi nonostante fosse consapevole di essere affetta dal virus Hiv ed epatite …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *