martedì , settembre 25 2018
Home / Viterbo News / L’ESIBIZIONE DA BRIVIDI DI MANDY HARVEY, CHE A 18 ANNI HA PERSO L’UDITO MA NON LA VOGLIA DI CANTARE CON UNA VOCE MERAVIGLIOSA

L’ESIBIZIONE DA BRIVIDI DI MANDY HARVEY, CHE A 18 ANNI HA PERSO L’UDITO MA NON LA VOGLIA DI CANTARE CON UNA VOCE MERAVIGLIOSA

mandy harvey america s got talentMANDY HARVEY AMERICA S GOT TALENT

Il talento e la storia di Mandy Harvey ha incantato il pubblico di “America’s Got Talent”. La 29enne ha perso l’udito 11 anni fa per una malattia degenerativa e da allora è riuscita ad ascoltare la musica attraverso vibrazioni e controllo dei muscoli: ha imparato a cantare di nuovo e in maniera tanto intensa da impressionare tutti. Anche i giudici del talent che con il golden buzzer e una standing ovation hanno premiato la sua performance dell’inedito “Try”.

mandy harveyMANDY HARVEY

La ragazza ha raccontato la sua storia durante il talent americano. Dopo aver abbandonato gli studi nel 2006 per la perdita dell’udito ha tentato delle carriere alternative. Poi nel 2009 ha deciso che la musica era la sua vita: da qui ha inciso prima “Smile”, un album autoprodotto che ha attirato le attenzioni della critica e successivamente altri due album (l’ultimo, “All of Me”, è del 2014), diventando una solista jazz e anche ambasciatrice per l’associazione non-profit No Barriers.

La sua esibizione ha lasciato senza fiato pubblico e giudici, riuscendo ad ammorbidire persino il duro Simon Cowell, che le ha spiegato che pur essendo nella giuria del talent da molto tempo, quella di Mandy Harvey è una delle esibizioni più stupefacenti a cui abbia assistito: “Pensavo non mi sarei mai più sorpreso o meravigliato dai concorrenti, e poi arrivi tu: congratulazioni, sei stata ammessa direttamente ai live show”.

simon cowell mandy harveySIMON COWELL MANDY HARVEY

Loading...

Check Also

Napoli, Don Manganello ai buonisti: “Ci sono troppi immigrati, pensate prima ai poveri italiani”

«Non datemi del razzista, ma non possiamo prenderci tutta l’Africa». Con un post sulla sua pagina Facebook, …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.