lunedì , dicembre 11 2017
Home / Viterbo News / Uccise un bandito, la sentenza: carabiniere non può sparare al ladro

Uccise un bandito, la sentenza: carabiniere non può sparare al ladro

La condanna risale ad ottobre, ma ora sono state rese note le motivazioni del giudice, Francesca Zagoreo. Tanto scioccanti da meritare attenzione.

La morte del bandito albanese

Ecco i fatti. Il primo febbraio del 2015 Basconi ed altri due colleghi erano di pattuglia a Ostra Vetere, in provincia di Ancona. Intorno alle 18 ricevono la segnalazione di una Mercedes bianca (rubata) con all’interno tre banditi sorpresi a commettere un furto. Pochi minuti dopo le segnalazioni diventano due, poi se ne aggiunge una terza. Sempre per rapine in appartamento. Nel frattempo i carabinieri incrociano la Mercedes, cercano di rincorrerla ma ne perdono rapidamente le tracce. Solo alle 19 rintracciano l’auto parcheggiata a lato della strada. È buio. Il comandante si avvicina e accende la torcia per osservare all’interno del Suv. A quel punto si sente un forte botto, il bandito schiaccia l’acceleratore e fugge a tutta velocità a fari spenti, premendo sul clacson e rischiando di investire i due carabinieri. Basconi, rimasto vicino all’auto di servizio, esce allo scoperto, fa qualche passo verso il Mercedes in fuga ed esplode quattro colpi. Tutti all’altezza delle ruote. Uno dei proiettili rimbalza sull’asfalto, rompe il lunotto posteriore e trapassa la testa di Korab Xheta, ladro 24enne albanese seduto sul sedile di dietro. Ne nasce un processo, udienze, testimoni e infine la condanna al carcere (pena sospesa) e al risarcimento (forse milionario) del defunto bandito.

Le motivazioni della sentenza

Secondo il Gup che ha emesso la sentenza “la scelta [del carabiniere, Ndr] di utilizzare la pistola per impedire la fuga [dei banditi] non può non ritenersi del tutto sproporzionata”. Ovvero eccessiva. Alla base del ragionamento c’è un incrocio di interpretazioni della giurisprudenza che sembrano finalizzate a colpevolizzare l’imputato. In sostanza, Basconi non avrebbe dovuto aprire il fuoco perché la fuga dei tre delinquenti si trattava di una “resistenza passiva” volta “esclusivamente ad evitare all’arresto”. Sarebbero mancati dunque quei “caratteri di pericolosità” che trasformano una fuga “passiva” in “attiva”, giustificando gli spari. Secondo il Gup i tre banditi non avrebbero messo “a repentaglio l’incolumità” degli altri due militari, non vi erano “elementi per poter affermare che i soggetti fossero in possesso di armi” e la fuga non “avrebbe potuto mettere a repentaglio altri utenti della strada”. Ovviamente il carabiniere avrebbe dovuto valutare tutte queste variabili in pochi secondi e con tre pericolosi malviventi di fronte. Facile, no?

La difesa

La difesa ha provato a far notare come Basconi nella concitazione dello scontro temesse l’investimento dei commilitoni, che era impossibile escludere i malviventi fossero armati e che quella Mercedes lanciata a tutta velocità avrebbe potuto investire uno dei tanti cittadini radunatisi lì vicino per la festa del paese. Tutto inutile. Cosa avrebbe dovuto fare Basconi, secondo il Gup? Risalire in auto e inseguire di nuovo la banda, sebbene Suv pochi minuti prima avesse già seminato la Fiat Punto dell’Arma; oppure sparare in aria a scopo intimidatorio, come se tre ladri – già sfuggiti alla cattura e avvezzi a fare rapine – si potessero spaventare con qualche colpo di pistola alle nuvole. Di certo i legali dell’imputato, Alessandro e Mario Scaloni, presenteranno ricorso, cercando di spiegare in Appello che la decisione di mirare alle ruote sia stata assolutamente “proporzionale” all’obiettivo di arrestare dei pericolosi malviventi ed evitare che commettessero ulteriori delitti.

Basconi poteva rimanere inerte (mancando al proprio dovere), sparare ad altezza d’uomo o ancor peggio scaricare l’intero caricatore del mitra sulla Mercedes. Invece ha giustamente puntato alle gomme ed esploso solo quattro colpi, usando così il minimo della forza legittima. Per puro caso un proiettile è carambolato sul ladro, uccidendolo. E pensare che se non avesse aperto il fuoco e quei banditi avessero investito un bambino sulla strada dietro la curva, probabilmente un pm lo avrebbe inquisito per negligenza. È l’Italia, bellezza.

Loading...

Check Also

Arrestata prostituta sieropositiva: faceva sesso con clienti pur sapendo dell’HI

Avrebbe continuato a prostituirsi nonostante fosse consapevole di essere affetta dal virus Hiv ed epatite …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *