martedì , settembre 25 2018
Home / Viterbo News / Vende accendini di Hitler e Mussolini, tabaccaio insultato e negozio distrutto

Vende accendini di Hitler e Mussolini, tabaccaio insultato e negozio distrutto

Vedono degli accendini con l’effige di Hitler e Mussolini e aggrediscono il tabaccaio. É quanto accaduto l’altra  sera, nella tabaccheria La Gioconda  di Riccardo Ferrazzo a Jesolo attorno alle 22 quando nell’esercizio sono entrati 5 stranieri: dopo aver girato per qualche minuto, la loro attenzione si è concentrata sull’espositore degli accendini. Che hanno scatenato una reazione furente.

Parlando in inglese hanno iniziato ad urlare e a insultare il commerciante. Secondo quanto ricostruito avrebbero anche detto di essere di origine israeliana e che simili gadget farebbero aumentare l’odio verso l’Italia. A quel punto sono passati dalle parole ai fatti, iniziando a gettare a terra gli accendini, calpestandoli e danneggiandoli. Una scena che ovviamente ha preoccupato il tabaccaio che ha chiamato i carabinieri mentre il gruppo di stranieri è uscito dal negozio.

Lo stesso esercente è comunque riuscito ad annotare il numero di targa e il modello della loro auto, mentre l’intero accaduto è stato ripreso dalle telecamere interne (ved frame). «Non abbiamo mai avuto problemi di questo tipo ha commentato il tabaccaio anche perché in Italia la vendita di questi oggetti è libera. Si muovevano con grande velocità provocandoci in continuazione per scatenare una nostra reazione, ma abbiamo mantenuto la calma. Ci hanno creato diversi danni, non potevamo immaginare una reazione tale» ha concluso Ferrazzo.

Loading...

Check Also

Napoli, Don Manganello ai buonisti: “Ci sono troppi immigrati, pensate prima ai poveri italiani”

«Non datemi del razzista, ma non possiamo prenderci tutta l’Africa». Con un post sulla sua pagina Facebook, …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.