martedì , settembre 25 2018
Home / Economia / Bonus mezzi pubblici più alto ed esteso. E come risparmiare di più. Biglietti, abbonamento si recuperano

Bonus mezzi pubblici più alto ed esteso. E come risparmiare di più. Biglietti, abbonamento si recuperano

E’ stato rivisto il bonus dei mezzi pubblici e in questo periodo di inizio lavoro e studio è davvero molto importante. Vediamo come si si può risparmiare al meglio con tutte le novità
Sono in arrivo novità importanti per quanto riguarda gli abbonamenti ai mezzi pubblici. Potrebbero, infatti, esserci belle soprese per coloro che sono soliti muoversi in bus, treni e metropolitane. Stando a quanto riportano le ultime notizie, le spese sostenute quest’anno per l’abbonamento ai trasporti pubblici locali, regionali e interregionali possono essere detratte con la dichiarazione dei redditi 2019.

Abbonamenti mezzi pubblici: le novità in arrivo

Stando a quanto reso noto dall’Agenzia delle Entrate, infatti, la legge di Bilancio 2018 ha introdotto una detrazione Irpef del 19% per le spese sostenute per l’acquisto degli abbonamenti ai servizi di trasporto pubblico locale, regionale e interregionale, su un costo annuo massimo di 250 euro. La detrazione in questione vale sia per le spese sostenute direttamente dal contribuente per l’acquisto di un abbonamento del trasporto pubblico, sia per le spese sostenute per conto dei familiari fiscalmente a carico.

Abbonamenti mezzi pubblici: cosa serve per ottenere le detrazioni

Per ottenere le detrazioni sulle spese sostenute per l’abbonamento ai mezzi pubblici sarà necessario conservare il titolo di viaggio e la documentazione relativa al pagamento. La stessa Agenzia delle Entrate ha chiarito che non concorrono a formare reddito di lavoro le somme erogate o rimborsate ai dipendenti dal datore di lavoro o le spese sostenute direttamente da quest’ultimo per l’acquisto degli abbonamenti per il trasporto pubblico. Per ottenere la detrazione sulle spese sostenute per gli abbonamenti ai mezzi pubblici non è, inoltre, richiesto alcun requisito relativo ai redditi o al calcolo Isee.

La legge di bilancio 2018 ha previsto due differenti strumenti per incentivare e agevolare l’utilizzo del trasporto pubblico locale, regionale e interregionale: una specifica detrazione Irpef e una ipotesi di esenzione fiscale (articolo 1, comma 28, legge 205/2017).
La ratio delle nuove previsioni è da ricercare nella volontà del legislatore di incoraggiare il ricorso ai mezzi pubblici con l’obiettivo di ridurre il traffico soprattutto nelle grandi città, con ricadute positive anche sotto il profilo ambientale.

Leggi Anche  Dichiarazioni dei redditi omessa: migliaia di lettere dell’Agenzia delle Entrate

Una delle due ipotesi agevolative, peraltro, non è una novità assoluta: infatti, la detrazione Irpef era stata già prevista dalla legge finanziaria 2008 (articolo 1, comma 309, legge 244/2007) ed era stata prorogata dalla finanziaria dell’anno successivo (articolo 2, comma 7, legge 203/2008).

La detrazione Irpef
Come anticipato, è stata reintrodotta la detrazione Irpef del 19% delle spese sostenute per l’acquisto degli abbonamenti ai servizi di trasporto pubblico locale, regionale e interregionale, per un importo non superiore a 250 euro (nuova lettera i-decies, comma 1, articolo 15, Tuir).
Non sono agevolabili, quindi, le spese per l’acquisto di singoli titoli di viaggio.

La detrazione si applica per le spese sostenute dal 1° gennaio 2018, quindi potrà essere fatta valere con le dichiarazioni dei redditi che i contribuenti saranno chiamati a presentare nel 2019 (relative, appunto, al periodo d’imposta 2018).

Leggi Anche  Glifosato e Monsanto avvocato Usa con Unione Europea: pericolo per la salute

Fermo restando il limite annuo di importo complessivo (250 euro), la detrazione spetta anche per le spese sostenute per i familiari fiscalmente a carico (articolo 15, comma 2, primo periodo, Tuir).

La detrazione massima spettante, quindi, è pari a 47,50 (19% di 250).

Spese per il trasporto pubblico e reddito di lavoro dipendente
L’utilizzo del trasporto pubblico viene incentivato anche attraverso la previsione di un meccanismo di detassazione delle somme percepite, direttamente o indirettamente, dai lavoratori dipendenti dai propri datori di lavoro per l’acquisto degli abbonamenti.
Infatti, la legge di bilancio, modificando la disciplina della determinazione del reddito di lavoro dipendente, ha previsto anche che le somme erogate o rimborsate alla generalità o a categorie di dipendenti dal datore di lavoro, ovvero le spese da quest’ultimo direttamente sostenute, volontariamente o in conformità a disposizioni di contratto, di accordo o di regolamento aziendale, per l’acquisto degli abbonamenti per il trasporto pubblico locale, regionale e interregionale del dipendente e dei familiari fiscalmente a carico, non concorrono a formare il reddito di lavoro del dipendente (nuova formulazione della lettera d-bis, comma 2, articolo 51, Tuir).

Leggi Anche  Naspi indennità di disoccupazione per soggetti licenziati, le norme adesso in vigore

Dal punto di vista soggettivo, quindi, le somme devono essere state erogate o rimborsate ovvero le spese devono essere state sostenute, dal datore di lavoro, a favore della generalità dei dipendenti o di categorie omogenee di dipendenti.

Le spese agevolabili sono quelle sostenute per l’acquisto dei soli abbonamenti, non anche di singoli biglietti.

Gli abbonamenti possono essere riferiti sia al trasporto pubblico locale sia a quello regionale e interregionale.

Rientrano nel perimetro dell’agevolazione anche le spese per gli abbonamenti dei familiari fiscalmente a carico del dipendente.

Loading...

Check Also

Conti correnti presi di mira dall’Agenzia delle Entrate e Guardi di Finanza

I conto correnti molti cittadini italiani sono sotto stretta sorveglianza dell’Agenzia delle Entrate della Guardia …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.