Assorbenti usati per ‘sballarsi’, la nuova moda choc tra i giovani

Bollire gli assorbenti usati per ‘sballarsi’, la nuova moda choc arriva dall’Indonesia. Se stai mangiando qualcosa o se, semplicemente, sei debole di stomaco, forse non è il caso che continui a leggere. Il modo in cui gli adolescenti in Indonesia si sballano, infatti, non consiste nell’uso di droghe o alcol, ma in qualcosa di assolutamente disgustoso.

Bollire gli assorbenti (usati) per sballarsi: è la nuova moda che arriva dall’Indonesia. Secondo quanto si legge su Straits Times, alcuni adolescenti sarebbero stati sorpresi dalle forze di polizia dell’isola di Giava in un evidente stato confusionale. In seguito hanno rivelato di essersi ‘drogati’ con l’aiuto di quest’insolita “bevanda a base di assorbenti igienici usati”.

La notizia sarebbe stata confermata dalle agenzie di stampa. “Anche se può sembrare assurdo che qualcuno possa fare una cosa del genere, il numero dei ragazzi che assume questa droga è in costante aumento”, ha confermato Sitty Hikmawatty, membro della Child Welfare Commission, secondo cui il numero di giovani che consumano questa particolare miscela fatta in casa è in costante aumento dal 2017.

Ma cosa si spinge tanti ragazzi a drogarsi in questo modo scellerato? Alcuni assorbenti igienici, ma anche i pannolini per bambini, sono realizzati con materiale super assorbente. Queste sostanze chimiche, hanno lo scopo di migliore l’assorbimento, ma a quanto pare possono causare anche effetti psicoattivi. Danno un senso di “leggerezza, come quello di poter volare” e provocano allucinazioni, secondo l’Agenzia nazionale per i medicinali (BNN). Diversi giornali locali, tra cui Jakarta Post, Jawa Pos e Pos Belitung, hanno riferito della sconcertante tendenza negli ultimi mesi. “Gli assorbenti usati sono stati presi dalla spazzatura e messi in acqua bollente. Dopo che il liquido si è raffreddato, lo hanno bevuto insieme” ha detto il comandante supremo Suprinarto, capo del BNN in Central Java. Il fatto che molti giovani rimedino tamponi usati dall’immondizia la dice lunga anche sulla situazione economica di questi adolescenti, impossibilitati anche ad acquistare degli assorbenti (intatti) in farmacia.

In realtà i test eseguiti dall’associazione Women’s Voices for the Earth hanno rilevato basse concentrazioni di sostanze chimiche tossiche con potenziali effetti collaterali neurologici negli assorbenti, come riportato dalla CNN nel 2015: “Le sostanze chimiche sarebbero stirene, cloroetano e cloroformio. L’Organizzazione Mondiale della Sanità classica lo stirene come cancerogeno. E l’EPA dice che l’esposizione a breve termine ad alte concentrazioni di clorometano può avere effetti neurologici. Mentre il Centro per il controllo e la prevenzione delle malattie afferma che alti livelli di esposizione al cloroetano possono causare mancanza di coordinazione muscolare e perdita di coscienza”.

Un 14enne proveniente dall’Isola di Belitung, a est di Sumatra, che ha ammesso di essersi “sballato” facendo bollire i assorbenti igienici non utilizzati, ha descritto ad un quotidiano del posto come creare la singolare droga: l’assorbente viene rimosso dal suo involucro e fatto bollire per circa un’ora, dopo di che l’acqua viene lasciata raffreddare. Il prodotto sanitario viene schiacciato nel contenitore, dopo di che l’acqua viene bevuta, ha detto a Pos Belitung. Il giovane ha detto al giornalista che lo ha intervistato che lui e i suoi amici la bevevano “mattina, pomeriggio e sera”.

Author: Emanuela Buzzetti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *