Mara Venier e Barbara D’Urso, una trasmissione Televisiva non eliminerà un’amicizia vera

Campionesse d’ascolti, di simpatia e infaticabili stakanoviste del piccolo schermo. Mara Venier e Barbara d’Urso si godono gli ultimi giorni di meritato relax dopo un’annata televisiva impegnativa, ma ricchissima di soddisfazioni. Il modo migliore per ricaricarsi di energie in vista delle nuove sfide che attendono entrambe le regine della nostra Tv. Barbara è stata forse la conduttrice più presente e impegnata dell’annata televisiva 2018-2019.

Con entusiasmo e grinta, ha guidato programmi capaci di catturare l’attenzione e la simpatia del pubblico: come lo storico Pomeriggio 5 che, anche stavolta, si è rivelata la trasmissione più seguita della fascia pomeridiana, con buona pace dei tentativi di Raiuno di rosicchiare qualche punto di share. La d’Urso, infatti, ha avuto la meglio sulla concorrenza di Tiberio Timperi e Francesca Fialdini, che a partire dal 9 settembre la- sceranno il posto alla guida de La vita in diretta a Lorella Cuccarini e Alberto Matano. Sufficientemente positivo anche il riscontro del Grande Fratello: un format che certo negli anni ha perso gran parte del suo appeal mediatico, ma a cui la “cura d’Urso” sembra aver giovato. E poi la novità di Live-Non è la d’Urso che, cavalcando astutamente il tormentone del “Prati-gate”, si è portato a casa ascolti persino superiori alle più rosee aspettative. Tre importanti successi per la bella Barbara, tra conferme e sperimentazioni, ai quali va aggiunto anche quello di Domenica Live.

All’inizio della scorsa stagione, proprio la sfida tra il programma domenicale di Canale 5 e la nuova Domenica In targata Mara Venier appariva come lo scontro televisivo più incerto, e quindi più interessante, della nostra Tv. Le regine della domenica, entrambe dotate di una straordinaria carica umana oltre che della preziosa capacità di saper parlare al cuore della gente, hanno portato avanti la propria ricetta di contenitore domenicale.

Entrambe orgogliose rappresentanti di una Tv nazionalpopolare si sono fronteggiate, domenica dopo domenica, con ascolti più che soddisfacenti per tutte e due. Una sfida caratterizzata da un sostanziale pareggio, interrotta poi bruscamente, e agli occhi di molti inspiegabilmente, quando Canale 5 ha deciso di ridurre la durata di Domenica Live e di farla partire dopo le 17.00, a Domenica In già finita. Se è vero che la motivazione ufficiale di tale decisione era dare un po’ di respiro alla d’Urso e permetterle di preparare anche le trasmissioni di prima serata, è altrettanto vero, però, che il pubblico della domenica è stato privato della possibilità di un’offerta televisiva più ampia.

Emozionatissima alla partenza della sua Domenica In, la Venier, che tornava in Rai dopo alcuni anni trascorsi a Mediaset, ha immediatamente fatto centro. Dopo anni in cui Raiuno rimediava perdite in termini di ascolto, la conduttrice veneta è riuscita nell’impresa di recuperare quel pubblico che già negli anni Novanta l’aveva incoronata “signora della domenica”. “Sarà una trasmissione a mia immagine e somiglianza. Se dovesse andare male, la responsabilità sarebbe tutta mia”: così a settembre la Venier aveva raccontato.

Timoniera carismatica ed esperta, Mara ha guidato il suo programma con piglio sicuro, veleggiando verso lidi fatti di grandi ascolti e di un affetto davvero travolgente da parte dei telespettatori. Ecco perché i grandi risultati ottenuti vanno interamente attribuiti a lei che ha messo tantissimo impegno sin da subito su quella scommessa. Oltre che tanto cuore. E che, naturalmente, si è guadagnata la riconferma anche per la  prossima stagione.

Author: Emanuela Buzzetti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *