Sarah Scazzi delusione per le ultime sentenze

Conosco ogni dettaglio dell’indagine su Sarah Scazzi. E posso dire che si è trattato di una delle indagini più complesse a cui abbia preso parte in qualità di consulente tecnico. In questa storia non sono mancati sviluppi che hanno riguardato tutta una serie di persone accusate di aver mentito.

Ma oggi la storia giudiziaria ha scritto un altro finale per buona parte degli imputati condannati nel processo “Scazzi bis” di primo grado. Non posso certo nascondere che la notizia della conclusione del processo d’Appello, con tre assoluzioni (e fin qui non ho motivo di sollevare questioni perché il giudice avrà avuto le sue ragioni) e ben otto pronunciamenti di “non doversi procedere per intervenuta prescrizione” mi ha generato amarezza e delusione.

Sono state cancellate in un sol colpo le condanne che erano state emesse dal giudice del Tribunale di Taranto nel 2020. All’esito del processo di primo grado, tutte le richieste avanzate dal pm Mariano Buccoliero, lo stesso magistrato che in maniera eccezionale ha condotto le indagini sul delitto di Sarah e ha portato alla condanna all’ergastolo di Sabrina Misseri e Cosima Serrano, erano state accolte e le condanne più pesanti avevano riguardato proprio due figure chiave in questa vicenda: Ivano Russo e Michele Misseri. Anche nei confronti di Russo e Misseri è stato dichiarato il “non doversi procedere per intervenuta prescrizione”.

Il troppo tempo trascorso dai fatti ha giocato a loro favore. Ma tra qualche giorno Misseri tornerà alla sbarra per il processo per calunnia nei confronti miei e dell’avvocato Galoppa…


Viterbocitta.it è un giornale online approvato anche da Google News. Per ricevere i nostri aggiornamenti e restare informato su questo argomento ti invitiamo a seguirci sul nostro profilo ufficiale di Google News

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *