Scienza e Tecnologia

Ibernazione umana esiste? Sarà possibile il letargo umano

L’ibernazione è uno stato di ipotermia regolata in cui alcuni animali trascorrono settimane o mesi durante un certo periodo dell’anno. Succede quando le condizioni atmosferiche o le temperature sono basse e pericolose. A quel tempo, gli animali diminuiscono la frequenza respiratoria e cardiaca per conservare l’energia del loro corpo. Nel caso degli umani, finora questo è successo solo nei film d’azione. Per ora, la domanda rimane: potrebbe essere possibile il letargo umano?

Finzione e realtà

In film come Alien abbiamo potuto vedere i protagonisti in letargo. Entrano in questo stato mentre attraversano lo spazio. Durante il letargo il tempo biologico smette di impedire alla persona di invecchiare, diminuisce il consumo di ossigeno e cibo, così come lo spreco muscolare.

Finora è successo solo nei film e in qualche tipo di animale, perché altri semplicemente non possono. Nell’uomo è un argomento estremamente delicato, perché cinque minuti senza ossigeno possono portare a danni cerebrali permanenti.

Un gruppo di ricercatori dell’Università di Tsukuba in Giappone ha trovato una possibile risposta. I topi non fanno parte di quel gruppo di animali, ma gli studi hanno determinato che possono innescare uno stato simile al letargo. Questo può accadere grazie all’attivazione di cellule specifiche nel loro cervello.

I ricercatori hanno dimostrato che un’attivazione di queste cellule cerebrali, chiamate neuroni Q, ha permesso ai topi di entrare in quello stato. È simile al letargo e può durare per diversi giorni. Rallenta la frequenza cardiaca, la respirazione e l’attività cerebrale. Quando si svegliarono erano più magri, ma sani.Persona congelata

 

Negli esseri umani, la cosa più vicina al letargo è stata praticata dagli scienziati dell’ospedale del Maryland, negli Stati Uniti nel 2019. Un paziente è stato posto in uno stato di conservazione e rianimazione di emergenza, o ibernazione artificiale, per la prima volta. Questo processo comporta la sostituzione del sangue con un’iniezione di soluzione salina nell’aorta, la vena più grande del corpo. In questo modo è possibile abbassare la temperatura corporea tra i 10 e i 15 gradi Celsius.

Il corpo umano ha una temperatura di circa 37 gradi, che richiede un regolare apporto di ossigeno per funzionare. Il raffreddamento del corpo rallenta l’attività metabolica, il cuore rallenta o si ferma e i tessuti vengono preservati. L’obiettivo era quello di ottenere più tempo per la chirurgia d’urgenza su un paziente con arresto cardiaco e alta perdita di sangue.

Ma la domanda rimane: sarà possibile il letargo umano? È una domanda per la quale non c’è ancora risposta. Studi e ricerche sull’argomento sono ancora in corso. È probabile che in un futuro non così lontano avremo qualche possibilità di andare in letargo.


Viterbocitta.it è un giornale online approvato anche da Google News. Per ricevere i nostri aggiornamenti e restare informato su questo argomento ti invitiamo a seguirci sul nostro profilo ufficiale di Google News