Matrimonio da favola, Amadeus sposerà in chiesa Giovanna Civitillo

È la prima cosa che non condivido con Ama: la scelta del mio abito da sposa. Perché se dovessi scegliere una parola, una sola parola per descrivere questi 17 anni accanto a lui, sceglierei la parola “condivisione assoluta”». Con l’aria sognante e la voce incrinata: è così che Giovanna Civitillo, da dieci anni moglie di Amadeus, mi annuncia che finalmente si sposeranno presto anche in chiesa. E lei sarà rigorosamente in “bianco” come si conviene per una novella sposa.

«Questo matrimonio è il coronamento di un sogno, quando mi sono messa con Ama, sapevo in fondo che ci avrei dovuto rinunciare essendo già stato sposato in passato in chiesa. Me lo sono fatta andare bene, ovviamente, ma ora che è arrivato l’annullamento, posso consacrare il nostro amore come desidero, anzi, come desideriamo. Siamo due persone credenti e questo sì detto davanti a Dio, rappresenta la sacralità più profonda e definitiva.

E il nostro per sempre così diventa pregno di emozione e di tanta gioia». Oggi seguirà in esclusiva la cerimonia che Giovanna e Amadeus vogliono sia intima e celebrata in una minuscola cappella della Capitale perché «è una scelta che vogliamo condividere con le persone che ci sono più care». Giovanna e il noto conduttore si sono conosciuti durante il provino che lei fece per L’Eredità, il programma che lui conduceva, e se inizialmente non fu amore a prima vista, il feeling fra i due pare nacque col tempo fino a trasformarsi in quello che oggi lei definisce «legame simbiotico»: «Perché siamo soprattutto complici, ci divertiamo.

E non c’è cosa che non facciamo insieme, dal caffè del mattino alle cose più importanti. In questi anni siamo rimasti fedeli a noi stessi: per lui la mia solarità è importante, come per me la sua semplicità. E a proposito dell’abito a disegnarlo è stato lo stilista preferito diAmadeus: Gai Mattiolo che lui considera un vero e proprio portafortuna. «Quando mi sono vista allo specchio con quel meraviglioso abito mi sono emozionata. Era perfetto e in quel momento ho realizzato che era tutto vero: stavo per sposarmi sul serio. Quando ci siamo uniti civilmente, dieci anni fa, è stata una bellissima festa, ma l’eccitazione che mi porto dentro ora, non l’avevo provata, devo confessarlo. Se gli piacerà o meno il mio vestito? Non lo so. È sempre abituato a vedermi vestita in modo molto semplice, stavolta sono sicura che rimarrà a bocca aperta».

Author: Emanuela Buzzetti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *