Anche la più bella delle favole d’amore può finire con un gelido comunicato Ansa che lascia l’amaro in bocca. Michelle Hunziker e Tomaso Trussardi hanno ufficializzato con poche righe che il loro matrimonio è finito: «Dopo 10 anni insieme», si legge, «abbiamo deciso di modificare il nostro progetto di vita.

Ci impegniamo a proseguire con amore e amicizia il percorso di crescita delle nostre meravigliose bambine». Di crisi di coppia si parlava da tempo, anzi, era una voce ricorrente negli ultimi anni che Michelle spazzava via con una risata e il suo solito «ma vaaa». Ma che le cose non girassero più bene è un problema che c’è da almeno un paio d’anni. Michelle è tostissima e ha tenuto duro, se qualcosa l’ha delusa ha incassato, poi forse ha visto l’inevitabile capolinea.

Questa volta, comunque, gli indizi erano più concreti: gli auguri di Natale su Instagram con la rituale foto di famiglia, «la mia family», come la chiama lei con orgoglio, quest’anno scattata solo in compagnia di Aurora e mamma Ineke. La fede al dito di Michelle che manca da mesi, come pure l’anello col rubino rosso che le ha regalato Tomaso e da cui lei non si separava mai. Le foto in compagnia di Eros Ramazzotti, situazione che lei, per delicatezza nei confronti di Tomaso, ha sempre evitato pur avendo con l’ex marito un ottimo rapporto.

Vogliamo metterci il taglio di capelli? Si sa, nelle donne significa “cambiamento”. E non ultimo le vacanze di Natale: la presentatrice le ha trascorse come di consueto a San Cassiano, Alta Badia, luogo del cuore della coppia, ma Tomaso non c’era se non alla fine. La Hunziker nei suoi quotidiani “reportage” su Instagram ha pubblicato molte foto con l’amica Serena Autieri, con le bellissime bambine avute con Tomaso, Sole, 8 anni, e Celeste, 6, con gli amici di scalata.

I solici baci ad alta quota, non li abbiamo visti. E poi c’è lo sguardo di Michelle, diverso da alcuni mesi per chi vuole credere che negli occhi delle persone, anche le più allenate a sorridere per lavoro, ci sia la verità. I suoi sono diversi, velati, e in alcune foto un po’ gonfi, come in chi ha pianto. Adesso, a quanto pare, Michelle continuerà a vivere con le figlie nella casa di Milano che aveva comprato da sola, in centro, e che poi aveva ampliato quando nella sua vita era arrivato Tomaso.

Lui, sembra che già da novembre si sia traferito a Bergamo, nella casa di famiglia. Michelle, che ha parlato molte volte del suo amore con Tomaso sulle pagine del nostro giornale, lo aveva conosciuto nel 2011 dopo anni difficili di storie tormentate e lontane dall’equilibrio e la solidità che lei ha sempre cercato dopo la separazione da Eros Ramazzotti (2002), papà della loro amatissima Aurora, e dopo la terribile esperienza della setta, cinque anni “prigioniera” di riti, preghiere e dinamiche assurde che in realtà erano ricatti, furto di vita.

Quando sulla sua strada era spuntato Tomaso, rampollo della famiglia Trussardi che sulle spalle aveva un bel carico di dolore con la perdita del papà Nicola e del fratello Francesco, Michelle aveva avuto paura, come spiegò Tomaso stesso: «Lei aveva mille paure. Io avevo 29 anni e lei 35, la differenza d’età per lei contava, ma non per me». Proprio la Hunziker, raccontò a Oggi del loro incontro al ristorante Trussardi Scala grazie a un amico comune, Vittorio Feltri, per poi confessare di avere preso lei l’iniziativa: «Mi è piaciuto subito: ci siamo scambiati i numeri e la prima a chiamare sono stata io. Dopo un po’ abbiamo iniziato a uscire».

Lui si rivelò presto uno che aveva le idee chiare ma che ci andava coi piedi di piombo: «Ogni sera mi riaccompagnava a casa dandomi un bacio sulla guancia io rientravo delusa. Aurorami diceva “Non è che vuole un’amica? O forse è gay?”. Ero arrivata a pensare che non gli piacevo, sinché poi alla fine l’ho baciato io». Poi lui chiamò Michelle e le fece capire: «Tu non vuoi un uomo accanto a te, tu vuoi fare l’uomo e per me non va bene».

Lei ammise: «È vero, ero abituata a decidere tutto da sola, a organizzare, gestire, disfare… E poi per Tomaso non è stato facile arrivare in una casa di sole donne e farsi posto: eravamo io, Aurora, lamia cagnolina e due tate. In piùmia mamma era spesso connoi…». Insomma, la ex biondina delle Tic Tac (ricordate lo spot in cui balla?) ci raccontò che per il primo bacio ci vollero circa dieci appuntamenti e due mesi. Poi, nella primavera del 2013, Michelle era incinta di Sole e lui le chiese se voleva essere sua moglie.

Hanno coronato il loro sogno con un matrimonio romantico e blindatissimo, il 10 ottobre del 2014 nel palazzo della Ragione di Bergamo. Michelle, se possibile, era più bella e solare che mai, quasi incredula di quella favola che si stava avverando dopo averla inseguita per anni.

Certo, due persone così, poi devono fare i conti con un carattere dello stesso peso specifico e in un’intervista la presentatrice aveva ammesso: «Io e Tomaso siamo due alfa, vogliamo decidere tutti e due. È su quello che ci scorniamo. Se dobbiamo organizzare una festa, siamo talmente appassionati tutti e due nel fare le cose, ma anche talmente diversi, che sembriamo Zeus contro Giunone. Lui dice sempre che sarebbe molto più facile se uno dei due fosse “zerbinato”, e si arrendesse ogni tanto.

Ci vuole grande pazienza per fare funzionare le cose. Sono contenta che il lavoro funzioni, ma per me il vero successo nella vita è riuscire a costruire una famiglia che vada avanti nel tempo». Contro ogni previsione, invece, il tempo è scaduto anche per loro e così finisce anche la fiaba d’amore di una delle coppie più belle dello star system italiano.


Viterbocitta.it è un giornale online approvato anche da Google News. Per ricevere i nostri aggiornamenti e restare informato su questo argomento ti invitiamo a seguirci sul nostro profilo ufficiale di Google News

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.