Da strani ragni a rane più scure, gli animali mutanti di Chernobyl 35 anni dopo l’incidente

35 anni dopo l’incidente nucleare più devastante della storia, i ricercatori hanno scoperto animali “mutanti” a Chernobyl.

Il 26 aprile 1986 si è verificato il peggior incidente nucleare mai visto nella storia umana. L’esplosione è esplosa nella centrale elettrica Vladimir Ilyich Lenin, situata nel nord dell’Ucraina , nella città di Chernobyl , uccidendo 31 persone . L’insediamento ha lasciato più di 100 feriti e, a lungo termine, più di un centinaio di morti.

Per prendere l’entità di quanto accaduto, è necessario chiarire che il picco di radiazione era 400 volte superiore alla bomba nucleare di Hiroshima e 50 volte superiore a quello di Fukushima. Quella notte di aprile, i 48.000 abitanti di Pripyat si riposarono senza sapere che a tre chilometri di distanza la centrale avrebbe iniziato a irradiare materiale nucleare.

L’ evacuazione nell’area di 2.590 chilometri , nota come zona di esclusione , ha comportato il sacrificio degli animali che vi abitavano. Tuttavia , alcune persone hanno lasciato Chernobyl sperando di tornare in futuro , quindi molti hanno deciso di lasciare i loro cani e gatti sul sito . Tuttavia, i soldati dell’esercito sovietico erano incaricati di uccidere tutti gli animali domestici della zona, poiché erano considerati un rischio di trasmissione radioattiva.

Da strani ragni a rane più scure, gli animali mutanti di Chernobyl 35 anni dopo l'incidente
Da strani ragni a rane più scure, gli animali mutanti di Chernobyl 35 anni dopo l’incidente

Le organizzazioni Clean Futures Fund (CFF), che hanno visitato Chernobyl per sterilizzare e vaccinare i cani , e Spca International , che si dedica al salvataggio degli animali nel mondo, hanno spiegato che ci sono ancora tra i 600 e gli 800 cani e gatti randagi che vagano nel sito.

Ad oggi, i ricercatori si chiedono quanto gli animali selvatici che vivono nella zona di esclusione traggano vantaggio dalla mancanza di esseri umani e quanto soffrano per la contaminazione del luogo.

Secondo il dottore in Biologia e ricercatore della zona, Germán Orizaola , nell’articolo “La fauna di Chernobyl 33 anni dopo l’incidente nucleare”, si dice che oggi ci sono orsi, bisonti, lupi, linci, cavalli di Przerwalski e circa 200 specie di uccelli, tra gli altri animali. Gli studi hanno stabilito che la fauna più piccola, come uccelli e roditori, potrebbe essere stata la più colpita, poiché presentava conseguenze negative per la salute, come tumori e cataratta.

Da strani ragni a rane più scure, gli animali mutanti di Chernobyl 35 anni dopo l'incidente
Da strani ragni a rane più scure, gli animali mutanti di Chernobyl 35 anni dopo l’incidente

Sebbene indichi una ” generale assenza di effetti negativi delle radiazioni sulle popolazioni animali e vegetali “, indica: “Abbiamo anche trovato qualche indicazione di risposte adattative alle radiazioni, come i cambiamenti nella colorazione delle rane . Le rane nella zona di esclusione sono più scure, il che potrebbe proteggerle dalle radiazioni “.

D’altra parte, in termini di insetti, alcuni sembrano vivere meno o essere più vulnerabili ai parassiti, soprattutto nelle zone ad alta radiazione. Gli uccelli subiscono danni al sistema immunitario, aumento dell’albinismo e alterazioni genetiche, sebbene non ne impediscano la riproduzione.

Riguardo alle mutazioni , un rapporto di Nat Geo mostrava un ragno , mentre la voce fuori campo del documentario recita : “Molte delle ragnatele che sono state tessute lungo alcune delle case del villaggio erano estremamente insolite “. Le immagini mostrano una ragnatela disordinata e irregolare con grandi buchi e nessun motivo chiaro. Allo stesso modo, è stata sollevata la possibilità che gli animali non solo abbiano cambiato il loro modo di muoversi, ma anche il loro aspetto fisico.

Da strani ragni a rane più scure, gli animali mutanti di Chernobyl 35 anni dopo l'incidente
Da strani ragni a rane più scure, gli animali mutanti di Chernobyl 35 anni dopo l’incidente

Un chiaro esempio di questa mutazione è la malva dell’albero , simile alla cosiddetta vaquita de San Antonio. ” Due grandi occhi, naso e mento, e grazie alla simmetria, rende molto facile rilevare le deviazioni ” , dice il ricercatore.

Da strani ragni a rane più scure, gli animali mutanti di Chernobyl 35 anni dopo l'incidente
Da strani ragni a rane più scure, gli animali mutanti di Chernobyl 35 anni dopo l’incidente

I ricercatori osservano che la presenza di esseri umani, con la caccia, la pesca, l’inquinamento, tra le altre azioni, potrebbe essere più dannosa per gli animali mammiferi a medio termine di un incidente nucleare.

D’altra parte, gli specialisti della Chernobyl Radiation and Ecological Biosphere Reserve, hanno osservato che le mucche erano organizzate in mandrie e presentavano un comportamento molto diverso da quello degli animali domestici o da riproduzione.


Viterbocitta.it è un giornale online approvato anche da Google News. Per ricevere i nostri aggiornamenti e restare informato su questo argomento ti invitiamo a seguirci sul nostro profilo ufficiale di Google News

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *